Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa completa. Cliccando su OK acconsenti al loro utilizzo.

Agenda

Dopo diverse interviste fatte davanti a telecamere e microfono, finalmente ci possiamo concedere quattro chiacchiere “serie” in compagnia di coach Giuliano Stibiel, il nuovo condottiero biancorosso alla guida del Fassi Edelweiss Albino in Serie A2 ed alcune formazioni giovanili nella stagione 2016/2017...

Dopo diverse interviste fatte davanti a telecamere e microfono, finalmente ci possiamo concedere quattro chiacchiere “serie” in compagnia di coach Giuliano Stibiel, il nuovo condottiero biancorosso alla guida del Fassi Edelweiss Albino in Serie A2 ed alcune formazioni giovanili nella stagione 2016/2017...

AmichAlpoStibiel

Ti chiedo prima di tutto come stai ad Albino? Parlaci dell’ambiente che hai trovato e come vivi la realtà bergamasca?

" Ci sto molto bene. Albino è una cittadina tranquilla che offre di tutto, ma lo sapevo già prima di accettare di venirci. Diciamo che d'estate l'ho frequentata spesso… la società è fatta da persone che hanno giocato o allenato nella maggior parte dei casi nella stessa società e per questo motivo c’è un grande senso di appartenenza. Ogni dirigente /allenatore/ istruttore o semplice tifoso vuole veramente bene a questa società e questo lo si nota quotidianamente. Proprio per questo dispiace doppiamente quando perdiamo giocando malamente soprattutto in casa... "

La stagione è iniziata da poco, ma ti chiedo comunque che idea ti sei fatto delle tue ragazze e del gruppo…

" E’ un gruppo formato da brave ragazze che si allenano con grande impegno, per vari motivi non siamo mai riusciti ad allenarci con continuità a causa di alcuni problemi fisici (Lussana per la spalla, Marulli per il polpaccio e Fumagalli ha saltato 10 giorni dopo il matrimonio per il viaggio di nozze). Dobbiamo solo lavorare al completo in palestra sempre con grande entusiasmo e sono sicuro che la stagione potrà regalarci delle belle soddisfazioni. E’ un gruppo che, a parte qualche innesto, si conosce da anni ed ogni anno si cerca di inserire qualche giovane… ci vogliono solo tempo, pazienza e fiducia. "

Svelaci qualche segreto, come si prepara una gara a livelli di Serie A2?

" Dopo l'ultima partita che abbiamo fatto direi che sono l'ultima persona a cui dovresti fare questa domanda... a parte gli scherzi, dipende da tanti fattori: da quanti allenamenti hai a disposizione, se sei riuscito ad allenarti con tutto il gruppo al completo ecc... In generale cerchiamo di pensare di più alle nostre cose cercando di colpire le avversarie in qualche loro punto debole, avendo un gruppo con tante giovani è importante, dal mio punto di vista, pensare di più a migliorare le nostre giocatrici. Poi è ovvio che in ogni partita si cerca di mettere qualche sassolino nell'ingranaggio delle avversarie, a volte ci si riesce, a volte meno. "

Raccontaci da dove vieni e come hai cominciato ad avvicinarti alla pallacanestro.

" Triestino, figlio di un allenatore e di una ex giocatrice e successivamente allenatrice, quindi è stato abbastanza naturale iniziare con questo sport. Ho iniziato a giocare da quando avevo 4 anni e poi verso i 15/16 ho iniziato a dare una mano in palestra come assistente e piano piano ho abbandonato la carriera da giocatore per intraprendere quella di allenatore. "

Come ho chiesto ad alcune tue giocatrici, il momento cestistico della tua carriera più bello?

" Ci sono tanti momenti belli, anche perché' quando alleni settori giovanili le soddisfazioni sono enormi: uno dei più belli che ricordo con grande piacere riguarda un gruppo di 14enni della Servolana che allenavo a Trieste quando avevo 20 anni credo. Non abbiamo vinto una partita, perdendo anche di 50/60 (la squadra era composta da bravissimi ragazzi ma, diciamo, poco talentuosi...) ma abbiamo iniziato l'annata in 16 e l'abbiamo finita in 17 e vi assicuro che perdere sempre e non perdere un ragazzo durante la stagione, ma anzi reclutarne uno in più, è stata una soddisfazione enorme! A livello senior conta quasi esclusivamente il risultato purtroppo (a Udine al primo anno di allenatore abbiamo raggiunto le semifinali playoff, idem a Ferrara la scorsa stagione oltre ad esserci qualificate per le Final Four di Coppa Italia), a livello giovanile spesso ci si dimentica delle soddisfazioni che si hanno a livello umano: un mio ex giocatore (allenato una sola stagione quando aveva 14 anni), il giorno dopo aver preso la patente è venuto a trovarmi a Verona dove allenavo… questo per me vale più di una vittoria! "

Sappiamo che nella tua vita sentimentale la passione per la pallacanestro è condivisa con una ragazza che l’ambiente di Albino conosce molto bene. Raccontaci se e in che modo vivete questa passione insieme…

" Per colpa di Giulia quest'anno ho delle pressioni enormi… (se la ride) Allenare nella società dove è cresciuta, dove è stata allenata dalla mia presidentessa e da alcuni miei dirigenti mi mette davanti ad una grande responsabilità. Quando posso vado a vederla a Schio o se non riesco ad andarci la guardo sullo streaming. Il tempo a disposizione non è tanto perché tra prima squadra e giovanili entrambi giochiamo sempre il fine settimana ma cerchiamo di ottimizzarlo. Per il resto quando possiamo stacchiamo perché' non c’è solo il basket nella vita. E’ ovvio che reciprocamente capita di darci dei consigli o di parlare di alcune situazioni, penso sia del tutto normale. Siamo entrambi fortunati perché la nostra passione, la pallacanestro, è diventata il nostro lavoro e con i tempi che corrono non è poco, anzi… "

Raccontaci una giornata tipo di Giuliano Stibiel ad Albino!

" Dipende dai giorni: da circa un mese faccio anche il maestro di sostegno alle elementari ad Albino e quindi tra scuola, allenamenti con la prima squadra, allenamenti Under 18, partite Under 20, guardare i video per preparare i match non mi resta molto tempo libero. Quando stacco dalla pallacanestro ascolto musica, guardo la TV, leggo o sto al telefono con amici e parenti. "

Definisci con tre aggettivi la tua squadra.

" Divertente (perché mi diverto un sacco ad allenarle), pazza (perché al momento alterniamo buone partite a partite oscene) ed affamata (perché minimo una volta a settimana qualcuna porta da mangiare dopo gli allenamenti) "

 

Contatti

    • Via Andrea d'Albino 1, 24021 Albino (BG)
    • info@edelweissfassialbino.it - ufficiostampa@edelweissfassialbino.it

 

facebook  FACEBOOK

 

instagram  INSTAGRAM

 

twitter  TWITTER

 

youtube  YOUTUBE

AcyMailing Module

Se vuoi ricevere la nostra newsletter, iscriviti ora!

Ororosa

  • IL PROGETTO

    SENIOR
  • Serie B Regionale Don Colleoni Trescore
  • Promozione Casigasa Parre

    JUNIOR (giovanili)
  • Under 18 élite Edelweiss Albino
  • Under 18 regionale Excelsior
  • Under 16 élite Excelsior
  • Under 16 regionale Excelsior
  • Under 16 regionale Almenno San Bartolomeo

Collaborazioni

  • Basket Vertova
  • Basket Albano S.A.
  • Basket Martinengo
  • Seriana Basket

Web Radio

Ororosa